One key to drafting a winning fantasy football team is to construct a roster with as much depth as possible at almost every position.To accomplish this goal, you need to have a firm grasp of the talent at each position relative to the other positions across the entire player pool. Latavius Murray Jerseys People new to fantasy football often think that because there are so few elite quarterbacks, and they are among the highest scoring players in the fantasy game, that they need to pick a top quarterback early in their draft to build a strong foundation for the rest of the team. Experienced fantasy owners know that Amari Cooper Jerseys you can wait until later in the draft to pick a quarterback. Most leagues require just one starting quarterback, and the majority award just 4 points for a touchdown pass. Meanwhile, you typically start two Charles Woodson Jerseys or three running backs and an equal number of wide receivers – and those positions are awarded 6 points for each touchdown reception or run. Derek Carr Jerseys Therefore, wide receivers and running backs are chosen earlier, the pool of available players shrinks much faster at those positions and there are enough viable starting quarterbacks available even if you wait until later into Khalil Mack Jerseys the draft to choose one.Quarterbacks will dominate the overall scoring one way or another, but it really isn't about getting the most points out of the position. This approach changes slightly in leagues that award 6 points for a touchdown pass. You'll need to adjust your draft strategy to take quarterbacks just a bit earlier. However, in leagues that require two starting quarterbacks, you must change your approach to draft your quarterbacks much earlier, ideally to have both safely squared away by the end of the fourth round. You'll need to do that because the demand for talent will be that much higher with the available pool being much smaller.

Home Servizi offerti

5 x 1000

Attività strumentali

Chi è online

 51 visitatori online

Contatore visite


Visite di oggi:0
Visite mensili:0
Visite totali:173087
Finalità

 

La struttura assistenziale è organizzata in modo da poter garantire agli ospiti la necessaria assistenza, sociale, domestica e sanitaria, evitando ogni forma di disadattamento o di emarginazione, consentendo agli ospiti stessi di mantenere vivo il senso della propria identità e di sentirsi protagonisti della vita che si svolge all’interno della struttura.

                Per permettere agli ospiti la migliore qualità di vita possibile, in base alle loro specifiche esigenze e capacità residue, è posta particolare cura nell’evitare l’isolamento degli assistiti e nel favorire una vita di relazione, sia all’interno che all’esterno delle residenze. E’ fondamentale che l’ospite possa mantenere vivo il senso di continuità con la vita precedente e con il proprio contesto di riferimento, che possa godere di uno stile di vita che gli permetta di coltivare interessi, hobbies, di instaurare relazioni non solo con chi è all’interno della comunità, ma soprattutto con il mondo esterno.

                I servizi residenziali e semi-residenziali  in particolare tendono:

  •                 All’assistenza quotidiana con soddisfacimento delle individuali esigenze di vita;
  •                 A sostituire o integrare l’azione della famiglia e del contesto di appartenenza;
  •                 A favorire il recupero globale della persona, a mantenere le abilità residue, ovvero a impedire o rallentare il degrado psico-fisico;
  •                 A consentire e promuovere le relazioni interpersonali e una maggiore socializzazione, sia all’interno che  all’esterno della struttura;
  •                 A rimuovere ogni ostacolo al fine di promuovere, ove possibile, il rientro nella famiglia e nel contesto di origine.
 
Mensa

 

MEnsa

Per il servizio di confezionamento dei pasti l’Ente è dotato di cucina attrezzata ed adeguata alle vigenti norme.

Relativamente al regime dietetico si segnala che il servizio di preparazione dei pasti rispetta un sistema  di “controllo di processo” HACCP (sistema di analisi dei rischi e controllo dei punti critici sulla produzione alimentare) di cui al D.Lgs. n° 155/97 il cui Responsabile è il Provveditore Economo.

Il sistema HACCP previsto dal D .lgs 155/97  identifica la possibilità di verificarsi dei rischi durante la manipolazione degli alimenti.

Il personale è  formato  sulle norme igieniche  e sulla prevenzione delle contaminazioni alimentari.

Il manuale viene rivisto dal gruppo di lavoro e da una ditta consulente esterna.

L’Ente dispone di tabelle dietetiche, approvate dall’ASP,  adeguate sia alle esigenze alimentari che ai gusti dell’ospite ed alle tradizioni e usanze popolari ( menù festivi).

Per l’ospite che necessita di diete particolari, per motivi di salute, su indicazione del medico, si provvede alla somministrazione di diete personalizzate.

Il servizio di vitto viene effettuato nelle sale da pranzo nei seguenti orari:

v      colazione dalle ore 8.30 alle ore 9.00 circa

v      pranzo dalle ore 12,00 alle ore 13,00 circa

v      merenda alle ore 16,00 circa

v      cena dalle ore 19,00 alle ore 20,00 circa.

Il menù è articolato in quattro settimane, per ognuna della quale sono previsti piatti diversi.

 

 
HACCP

 

HACCP (sistema di analisi dei rischi e controllo dei punti critici sulla produzione alimentare)

La struttura ha messo in atto un sistema di "controllo di processo" HACCP previsto dal dls 155/97 che identifica la possibilità di verificarsi dei rischi durante la manipolazione degli alimenti.
Il personale ha seguito un corso di formazione sulle norme igieniche e sulla prevenzione delle contaminazioni alimentari.
Il manuale viene rivisto dal gruppo di lavoro e da una ditta consulente esterna.

 
Assistenza Religiosa

Presso l'Opera Pia sono presenti le Suore Carmelitane Messaggere dello Spirito Santo e  un Cappellano.
L'attività religiosa si articola nei seguenti momenti:
a) Santa Messa nei giorni Lunedì, Giovedì e Venerdi alle ore 9:30; la Domenica alle ore 17:00;
b) Recita del Rosario tutti i giorni nei piani alle ore 15:30.
Tutte le domeniche e nelle solennità le suore assicurano la comunione agli ospiti/utenti che a causa della loro malattia sono impediti a partecipare alle celebrazioni eucaristiche.
 
Pulizia e sanificazione

Il servizio viene svolto dal personale dell'Ente.

 
Telefono

Negli spazi comuni accessibili è disponibile un telefono pubblico con funzionamento scheda telefonica.

E’ possibile ricevere telefonate dall’esterno: dalle ore 08,00 alle ore 21,00 il servizio di centralino telefonico della Struttura provvederà a dirottare la telefonata sull’apparecchio telefonico del nucleo in cui è accolta la persona desiderata.

 
Lavanderia

 

L'Oasi Cristo Re offre un servizio di lavanderia interna in grado di soddisfare le esigenze della persona accolta. Giornalmente il servizio effettua il lavaggio, la stiratura, il riordino ed il rammendo della biancheria personale dei residenti.
 
Il volontariato

 

Il volontariato presso l’Opera Pia è disciplinato dal regolamento  adottato con delibera n° 135 del 17/09/2002. Il regolamento indica le modalità d’impiego delle unità volontarie e/o delle Associazioni di volontariato liberamente costituite che volontariamente e gratuitamente prestano la loro attività all’interno dell’Istituto.

L’Ente favorisce l’intervento e il supporto di organi esterni di volontariato, quali ONLUS, gruppi religiosi, associazioni senza scopo di lucro, aventi finalità di concorrere ai fini istituzionali e di migliorare la “qualità della vita” dell’ospite, con attività di sostegno presso le residenze, compagnia, realizzazione di attività ricreative interne ed esterne alla struttura.

                Gli enti di volontariato che intendono prestare la propria attività presso l’ente devono inoltrare apposita l’istanza presso l’Ufficio di Servizi sociali, consegnare copia dello statuto ed l’elenco dei volontari che frequenteranno la struttura, nonché presentare idonea dichiarazione con la quale sollevano l’Ente da ogni responsabilità civile o penale che potrà derivare in conseguenza all’attività.

 Le attività dei volontari sono coordinate dalla Superiora pro-tempore, di concerto con l’assistente sociale  coordinatore, e non devono in alcun modo intralciare od ostacolare lo svolgimento  dei servizi socio-assistenziali.

Non sono ammesse attività di volontariato di soggetti privati che spontaneamente vogliano prestare la propria collaborazione nell’assistenza degli ospiti.

                L’attività del volontariato non deve considerarsi in alcun modo sostitutiva dell’intervento del personale dell’Ente, ma essere complementare, gratuita e professionalmente qualificata, al fine di concorrerete al buon andamento dei servizi.

                I volontari sono tenuti al segreto professionale, ad adottare comportamenti adeguati, a rispettare i regolamenti e le norme organizzative interne, le misure di sicurezza e di igiene sul lavoro. Essi sono tenuti, altresì, ad indossare idoneo tesserino di riconoscimento in cui si possano riscontrare i dati anagrafici  e l’associazione di appartenenza.

            Prima di iniziare il servizio di volontariato sarà tenuto uno specifico incontro con i volontari per informarli sulla struttura.

L’Ente si propone di estendere a soggetti, in possesso di specifici requisiti,  facenti parte di associazioni di volontariato la possibilità di svolgere attività pratico-professionali strettamente connesse a progetti formativi  finalizzati promossi dall’Ente, anche in collaborazione e con il sostegno di enti promotori, quali agenzie, Università ecc.

 

 

 
Altre attività
  • Servizio di assistenza di base, cura, igiene della persona (bagni, pedicure, lavaggio dei capelli), aiuto per i pasti;
  • Diete personalizzate;
  • Attività animative e laboratori educativi:
  • Attività ricreative (feste, ballo, karaoke, attività di socializzazione rivolte all’esterno, gite, ecc.);
  • Attività artistico - manuali (attività di manipolazione, artistico – decorative, disegno, pittura, decoupage, lavori femminili, ecc);
  • Attività di musica e movimento;
  • Cineforum;
  • Attività ludiche (calcetto, biliardo, giochi con le carte, ecc).
  • Fisioterapia;
  • Segretariato sociale (informazioni, consulenza per  pratiche invalidità, presidi e protesi, pensioni);
  • Assistenza infermieristica e somministrazione terapia;
  • Assistenza medica (visite programmate, controllo parametri ecc);
  • Assistenza psicologica (sostegno, gruppi di auto-aiuto, ecc);
  • Consulenza pedagogica;
  • Prenotazione e accompagnamento visite mediche specialistiche presso strutture pubbliche e private, disbrigo pratiche sanitarie, disbrigo pratiche per richiesta trattamenti riabilitativi, per fornitura di materiale ortopedico e sanitario, per richiesta tesserini per diabetici e consegna materiale ecc.;
  • Contatti con Enti assistenziali e/o previdenziali;
  • Servizio barbiere e parrucchiere;
  • Servizio trasporto utenti.
 

News

AVVISO URGENTE

Manifestazione di interesse per reclutamento Educatori professionali con partita iva, contratto di lavoro autonomo fino al 31/12/2017.

 
AVVISO URGENTE

Manifestazione d'interesse per reclutamento Infermieri professionali con partita iva, contratto di lavoro autonomo fino al 31/12/2017.

 
Esito Infermiere Professionale

esito infermiere professionale

 
Esiti Procedure Comparative

Esito Educatore Professionale

Esito Educatore Professionale/Mediatore Culturale

 
AVVISO

Si comunica che sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana num. 6 del 26/05/2017 sarà pubblicato l'avviso di procedura comparativa per la formazione di un albo Fisioterapisti al quale attingere per il conferimento di incarichi con rapporto libero professionale ex art. 2222 c.c.

DOMANDA

DISCIPLINARE

ALLEGATO 1

ALLEGATO A

 

 

 

 

 

Organico OIV

Organico 2015-2017

Codice univoco IPA

UF2LNM

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio

Accesso utente


Ricordami